giovedì 9 maggio 2013

Intervista: KRIN 183 - "MISSIONE: SPINGERE L'INFEZIONE"






I SAVONESI DSA COMMANDO SONO UN'OTTIMA REALTA', BEN NOTA E CONSOLIDATA ALL'INTERNO DELL'UNDERGROUND NOSTRANO. UNA FORMAZIONE "VERA", AGGUERRITA, DETERMINATA, CON LE IDEE BEN CHIARE. LA LORO MUSICA UN CONDENSATO DI VIOLENZA SONORA E VERBALE DESTINATA A GENTE CHE NON SI CIBA DELLA MERDA MAINSTREAM DA CLASSIFICA. QUESTI CINQUE RAGAZZI HANNO PERSONALITA' E SONO STATI INTELLIGENTI A DIFFERENZIARSI MOLTO VELOCEMENTE DALLA MASSA SUCCHIA CAZZI DEL RAP. QUESTO E' HARDCORE SANGUIGNO, NON MUSICA PER POSER DA QUATTRO SOLDI. OGNI DISCO PRODOTTO DAI DSA COMMANDO SI INFIAMMA GRAZIE AD UN'ATTITUDINE DIRETTA E SENZA COMPROMESSI. DOPO L'USCITA DELL'ULTIMO CD "RETOX" EBBI MODO DI INTERVISTARE TUTTI I COMPONENTI DEL GRUPPO, MENTRE ORA HO DECISO DI DARE SPAZIO AD UNA DELLE VOCI DELLA BAND: KRIN 183. IL MOTIVO NON E' SOLO LEGATO ALLA MUSICA, VISTO CHE LORENZO E' ANCHE UN MOTION DESIGNER DI SPESSORE E SI OCCUPA FREQUESTEMENTE DEI VIDEO DELLE BRIGATE DELLA MORTE. ULTIMO QUELLO PER "SPREAD THE INFECTION", SONG CHE VEDE LA COLLABORAZIONE VOCALE DI GORE ELOHIM (GORETEX - NON PHIXION) DALL'AMERICA. ABBIAMO DISCUSSO DI QUESTO E MOLTO ALTRO. LASCIO A LUI LA PAROLA...

1. Sei uno dei cinque componenti dei DSA COMMANDO... Questo mi porta a farti subito la prima domanda: Come ci si sente a diversi mesi dalla pubblicazione del nuovo album "Retox"? Come sta andando la promozione del disco? Immagino il delirio durante i vostri live...

- Ogni album che abbiamo fatto è stato un lavoro lungo, a tratti ci siamo scoraggiati per poi riprendere forza e determinazione per andare avanti e chiudere il disco. Lavorare in cinque non è facile perché è normale che ognuno abbia ha idee e stati d' animo differenti rispetto a quello che bisogna fare. In ogni caso sono molto contento sia del disco sia di come sta andando, stiamo girando diverse città per far sentire alla gente il cd nuovo e i pezzi dei dischi precedenti, ci stiamo divertendo perché è un buon modo sia di conoscere nuova gente che di rincontrare vecchi amici!

2. Krin, a parte la tua profonda passione per la musica, nella vita di tutti i giorni sei un "motion designer". Lo fai per professione! Posso capire nello specifico qual'é la particolarità di questa attività e che tipo di stimoli riserva? Quando e come sei entrato in contatto con tutto ciò? Cosa ti ha spinto a decidere per questa strada?

- Non è stata una vera e propria scelta, mi sono avvicinato alla grafica e dopo ai video grazie soprattutto al periodo in cui facevo graffiti. Alla fine dei '90 con Sunday iniziammo a fare i primi siti, le prime copertine, i primi flyers e cominciammo a capire come funzionava. Col tempo mi sono reso conto che mi sarebbe piaciuto fare di questa cosa un lavoro, anche perché pensavo che sarebbe stato meno pesante rispetto ad altre occupazioni. Di base ora è molto diverso, come tutte le passioni quando diventano un modo per campare sono fatte di compromessi e sbattimenti, che spesso non si ha voglia di fare... Per svariate ore al giorno mi occupo principalmente di motion design sotto il nome di 11AM, ciò che mi piace di quello che faccio è principalmente animare, è divertente e mi da soddisfazione.



3. Quando ho conosciuto il nome dei DSA COMMANDO, ho notato sin da subito che dietro i diversi video e grafiche della band c'era sempre il tuo nome. Qual'é stato il primo lavoro che hai realizzato per il gruppo? Il fatto di occuparti degli aspetti visivi all'interno dei DSA è un qualcosa di voluto, oppure una scelta inevitabile, viste le tue competenze in materia...

- Come dicevo prima è stata un'esigenza, io e Sunday ci siamo sempre frequentati molto, all'epoca studiavamo il modo di fare tutto da noi perché non c'era nessuno che ci potesse dare una mano e perché volevamo fare a modo nostro. Dietro molte cose c'è il mio nome ma in realtà la maggior parte delle volte è un lavoro di squadra, ovvero, magari imbastisco la cosa poi la rifiniamo secondo i pareri e i giudizi di tutti. Ci sono volte dove realizzo un idea facendo da "braccio esecutivo" altre volte invece, come quando abbiamo disegnato il logo del gruppo, io avevo tirato giù un'idea e poi insieme l'abbiamo rifinita e migliorata. Per i nostri video di solito curo il montaggio, ogni tanto ho fatto le riprese, diciamo pero' che rispetto al lavoro di tutti i giorni lo faccio con mentalità e approccio molto più punx!

4. Nel 2009 rimasi colpito dall'immaginario del video di "Il Culto è Vivo" tratto dal vostro secondo album "Destroy The Enemy". Un clip non comune agli standard del genere. Le atmosfere, le location, i costumi si adattavano perfettamente alle tematiche del brano, ma nello stesso tempo lo rendevano diverso, particolare, per certi aspetti tetro... Come mai la scelta specifica di quelle sequenze?

- "Il Culto è Vivo" è nato proprio dalla location. Prima di scrivere il pezzo andammo a fare un giro in quel posto, il resto venne da se, facile e diretto, forse il pezzo scritto in minor tempo da quando facciamo rap. In quel periodo la scelta di fare un brano ed un video così venne naturale, eravamo molto vicini a quel tipo di immaginario per cui ci sembrava figo parlarne e tirare giù una canzone. Ancora oggi quel brano mi piace moltissimo.

5. Le riprese del video "Il Culto e Vivo" vennero realizzate da Luigi Coppola, la stessa persona che si occupò delle immagini di "Requiem", mentre dell'Editing e della Post Produzione te ne occupasti tu (come in tutti i vostri video). Quando insieme agli altri del gruppo ti trovi di fronte all'obiettivo, in che modo riesci a trasmettere a chi è dietro la camera le sensazioni che volete mettere a fuoco? Immagino siate persone esigenti e dalle idee piuttosto chiare.

- Luigi in "Requiem" aveva curato anche il montaggio aiutato nella regia da Deca che aveva realizzato la copertina del disco omonimo. Per "Il Culto è Vivo" Luigi ci aveva aiutato a fare le riprese mentre le idee erano state pensate da noi. Quando siamo davanti all' obiettivo improvvisiamo abbastanza non ci sentiamo attori ne abbiamo la pretesa di esserlo, cerchiamo di essere credibili e basta.



6. Pensi che il concepire e realizzare l'immaginario per DSA COMMANDO sia frutto del tuo istinto inconscio? Oppure il fatto di essere in cinque teste sacrifica l'istinto del singolo a favore di un'azione di gruppo più controllata? Siete tutti a decidere cosa fare o non fare?

- Come ti dicevo sopra, l'azione non è mai stata singola, cerchiamo sempre di decidere a maggioranza e di fare qualcosa che piaccia a tutti noi. Devo ammettere che la nostra lunga convivenza ci porta a pensare abbastanza nella stessa direzione, quindi non ci sono mai punti di vista completamente differenti rispetto alle decisioni da prendere. Il fatto di essere in cinque aiuta a decidere le cose in modo più ponderato e a controllare molto, tutte le mosse. Crediamo sia la cosa giusta pensare a cosa si sta facendo senza fare stronzate, solo per il gusto di essere attivi. Siamo teste molto autocritiche e ogni decisione viene pensata e ripensata.

7. Perché utilizzi dei simbolismi così forti e taglienti all'interno delle immagini? I video e le t-shirts del gruppo parlano chiaro... E' un modo per focalizzare meglio il vostro immaginario astratto e visionario, oppure è solo una chiave di lettura indispensabile? Credi abbia a che fare con l'inquietudine?

- Credo che sia come quando da bambino scegli, giocando a guardie e ladri, di fare il ladro! le cose piatte, caste e da perbenista non le ho mai molto digerite, questo non vuol dire vivere sopra le righe o essere dei disagiati sempre, ma se devo cercare un immagine mi piace cercarla forte e senza troppe censure.

8. Utilizzare qualsiasi tecnologia moderna durante la creazione di un video è sempre stimolante? Oppure credi che i mezzi più datati rimangano i più accattivanti? Oggi rimane sempre questo dilemma: analogico o digitale? ...Tu che ne pensi al riguardo?

- Per quanto io mi ritenga un appassionato di tutto ciò che è vecchio e analogico credo che fare video con mezzi non digitali oggi sia pressoché impossibile, lo vedrei più come una paraculata da modaioli fissati col vintage che una reale differenza di risultati. E' vero che se potessi girate in pellicola di sicuro sarei felice, ma se immaginassi di usare una video camera in mini dv o di fare un montaggio con mixer analogico non sarei tanto preso bene, forse è meglio una reflex e un mac, poi magari si invecchia il tutto con un paio di filtri e via!



9. Un'altro video dei DSA COMMANDO fu quello per "Infami e Assassini". Come mai affidaste le riprese a Davide Pambianchi? Puoi parlarmene?

- Con Davide la storia è lunga, ci siamo iniziati a frequentare qualche anno fa ma in realtà lo conoscevamo e lo stimavamo da anni per la sua storia da writer, uno dei bomber savonesi più cazzuti dei primi '90. Lavorare con lui è stata una figata proprio perché non avremmo mai creduto che un giorno ci saremmo trovati così tanto in sintonia con idee e approccio nel fare le cose.

10. Per "Retox" sono stati realizzati altri due video molto interessanti "Peste Nera" e "Predator (Prestupnik)". In che modo questi due lavori si differenziano da quelli precedenti? Alla luce di questa mia domanda: come definiresti lo stile che attualmente contraddistingue i vostri cortometraggi (se mi concedi il termine)?

- Cortometraggi direi che è un po' troppo alto come termine. Abbiamo sempre cercato di fare bene nei video - ma anche di non strafare. In giro ci sono prodotti molto più curati e ricercati, noi conosciamo i nostri limiti e i nostri gusti. Troviamo che i pezzi siano il soggetto e che i video siano un contorno ormai obbligatorio per far girare e ascoltare la musica. Personalmente potessi decidere io abolirei questo connubio, spesso produce delle forzature, sarebbe più bello che ognuno immaginasse con la propria creatività ciò che gli sembra più figo da un brano, senza registi comparse e altre mille cazzate, è come se per ogni libro bisognasse fare un film….

11. I colori e le ambientazioni utilizzate nel video "Predator (Prestupnik)" mi hanno riportato alla mente alcuni thriller degli anni '80. In particolar modo quelli di Dario Argento. E' una mia allucinazione? Oppure in qualche modo ti senti ispirato da questo regista? Hai realizzato tu le riprese? Nei testi della song avete scelto un tema abbastanza ricorrente (purtroppo)...

- Ho realizzato le riprese con metodi davvero improvvisati, abbiamo fatto tutto in una sera senza troppi riguardi. Differentemente da quando devo lavorare per clienti, mi piace seguire l'istinto e arrivare alle cose abbastanza "buona la prima". Non mi sono ispirato a Dario Argento anche se credo che quando si trattano certi argomenti è facile trovare similitudini con produzioni più alte e complesse!

12. Quali sono gli aspetti positivi e quelli negativi legati al fatto di essere tu a curare determinate cose all'interno del vostro gruppo?

- Anni fa quando studiavo, avevo intere giornate per curare tutto, dai flyers ai video, oggi il tempo e' quello che e' quindi oltre a scrivere le canzoni occuparmi anche di altre cento cose mi appesantisce tutto. Per i DSA tutto cio' che faccio non mi viene pagato quindi e' solo per un estrema passione che mi sbatto per farlo.



13. Per quale motivo avete deciso di pubblicare la nuova song inedita "Blitz Krieg"? In che modo è nata questa idea? Il video è veramente allucinante e vede il ritorno di Davide Pambianchi. Hai filtrato tutto su due colorazioni di forte impatto: rosso e nero. C'è un motivo specifico? Il tema di denuncia contro la guerra mi sembra piuttosto palese... Hai trovato maggiori difficoltà a lavorare su questo clip?

- Abbiamo pubblicato Blitzkrieg perché fa parte di un flusso di pezzi che faremo uscire come singoli post Retox, e' venuto fuori da se senza pensare tanto e abbiamo deciso di pubblicarlo per chi ci ascolta. Il video in realtà a preso questa connotazione dopo un montaggio e una color correction più sobria che non ci soddisfaceva. Volevamo un pezzo e' un video da guerra e credo che sia stato raggiunto l' obbiettivo senza troppi fronzoli e tecniche elaborate!

14. Pensi che una posizione ideologica ben definita all'interno dei vostri video vi possa causare problemi in un futuro? Censure o quant'altro...

- Credo che i nostri video siano sempre dentro dei limiti nemmeno troppo autoimposti, non credo quindi che creeranno problemi, se mai dovessero censurare qualcosa in futuro rimarrei senza parole visto che la media delle immagini e dei concetti che girano su internet sono senz' altro più brutali e balordi di quelle che proponiamo noi. Se una persona si sente ferita o offesa da quello che diciamo o facciamo vedere credo non abbia l' intelligenza per capire cosa ci sta dietro, provocare non vuol dire essere maleducati o offensivi , censurare per paura si. Non siamo un prodotto mainstream e nemmeno imposto su grandi canali, chi arriva a noi molto spesso e' preparato a determinate cose e le sa capire, il resto ci ripudia a prescindere.

15. Cosa è rimasto oggi del Krin di "Requiem"? ...E chi è Krin oggi a distanza di questi anni passati e vissuti intensamente?

- Ahhahah, se ci penso bene sette anni fa ero molto diverso... Ero un ragazzino. Ogni tanto ho nostalgia della vita che facevo, l'unica cosa che non e' mai cambiata e' che sono sempre stato preso da mille cose da fare e che sono sempre stato in ritardo correndo da una parte all' altra. Questo non mi fa pensare molto a tutto il resto. Ho sempre avuto la paranoia di invecchiare ma piano piano mi ci sto abituando. Oggi cerco di concretizzare tutti i sogni che fin da piccolo mi hanno accompagnato giorno per giorno e che da sempre mi danno al forza per vedere sto mondo con occhi un po' più entusiasti.

16. Il nuovissimo video "spread the infection" vede la collaborazione di Gore Elohim (Goretex Non Phixion). Come e' nato tutto? Come si e' materializzata questa unione?

- Parto col dirti che sono molto fiero di questi mini video, infatti rubando qua e la scene tra le più disparate, perché alla fine creano il vero mood del pezzo. Alla fine e' come campionare per ricreare altri suoni! Con Goretex il gancio e' stato Sunday che da un po di anni lo conosce e ha prodotto per lui dei beat secondo me esagerati! Non e' un feat pagato e' arrivato grazie ad una stima reciproca. Chiaramente per noi e' stato come realizzare un sogno, siamo cresciuti con i Non Phixion e sicuramente gli dobbiamo moltissimo, sentire Gore che dice Dsa Commando e' stata una botta incredibile! ahhaha

17. Ti vorrei ringraziare per questa piacevole chiacchierata, augurandoti il meglio per la tua vita artistica con DSA e professionale come motion designer. Ciao Krin.

- Vorrei ringraziare te per l' amicizia e le passioni che condividiamo! Spero che vada sempre tutto per il meglio! Bella! Krin



CONTATTI:

www.dsacommando.com (music)
eh0no.tumblr.com (art)

RECENSIONE:
DSA COMMANDO "Retox" CD 2012 - autoprodotto

INTERVISTA:
DSA COMMANDO - "Apocalisse Imminente"















Nessun commento:

Posta un commento